Dolore al gomito: ecco alcune cause e rimedi

Il gomito è quell’articolazione che funge da collegamento tra il braccio e l’avambraccio ed è formato da tre elementi ossei: l’omero, l’ulna e il radio.

Il gomito permette movimenti di flessione ed estensione dell’avambraccio e consente la rotazione del radio che, a sua volta, rende possibili i movimenti della mano e del polso. 

Le persone maggiormente soggette a problemi al gomito sono:

  • Chi pratica sport (ad esempio tennis, golf, crossfit ecc.)
  • Chi svolge lavori manuali (ad esempio i muratori)
  • Chi trascorre molte ora scrivendo al computer.

L’articolazione del gomito è tra le più utilizzate nella vita di tutti i giorni, in quanto è responsabile della maggior parte dei movimenti delle braccia e degli avambracci. Conoscere la causa dei dolori al gomito è fondamentale per il totale recupero del paziente.

Le possibili cause di dolori e infiammazione al gomito

In caso di dolore al gomito, le cause possono essere diverse e spesso questo problema si verifica quando i muscoli risultano tesi o sovraccaricati. Essendo il gomito composto anche da muscoli e tendini, se una di queste parti viene danneggiata, è normale la comparsa di dolori. 

Le cause di dolori ai gomiti possono essere:

  • Tendinite del bicipite: lesione al tendine del bicipite che può essere causata da ripetuti sforzi. Il dolore verrà percepito nella zona anteriore del gomito;
  • Borrite olecranica (conosciuta come gomito dello studente): si tratta di un’infiammazione dell’articolazione del gomito causata da microtraumi o traumi diretti nella zona del gomito. Una pressione prolungata è la causa più frequente e le attività che comportano più rischi sono lo studio prolungato, professioni in cui si è costretti a fare forza sui gomiti e/o determinati sport;
  • Epicondilite (conosciuto anche come gomito del tennista): è un dolore localizzato all’epicondilo che, in casi estremi, porta all’impossibilità di eseguire semplici movimenti. Viene definito anche “gomito del tennista” in quanto il tennis è uno degli sport che spesso genera infiammazioni all’epicondilo.
    Può essere colpito da questa infiammazione chiunque è sottoposto frequentemente a di movimenti di flessione del braccio e rotazione del polso;
  • Blocco meccanico del gomito: questa problematica si verifica nell’articolazione omero-radiale. In questo caso, il radio si blocca all’interno a causa dei muscoli estensori delle dita e del polso che risultano essere tesi e sottoposti ad un intenso stress meccanico;
  • Artrosi del gomito: malattia dovuta all’usura o all’invecchiamento dell’articolazione e ciò provoca un deterioramento delle cartilagini che ricoprono le ossa; ciò porta le ossa ad entrare in stretto contatto tra loro, provocando dolore e rigidità. C’è da specificare che anche l’infiammazione dei tendini e dei muscoli contribuisce al dolore.
  • Epitrocleite (o gomito del golfista): nello specifico si tratta di un’infiammazione dei tendini che provoca inevitabilmente dolore al gomito. La sensazione di dolore è simile a quella avvertita con l’epicondilite ma in questo caso sono coinvolti i tendini che uniscono i muscoli dell’avambraccio con l’epicondilo mediale dell’omero. 

Queste sono solo alcune delle diverse cause che possono condurre all'infiammazione del gomito, portando il paziente ad avere difficoltà nell'eseguire e svolgere semplici movimenti ed attività quotidiane. 

I principali sintomi relativi a problematiche al gomito sono:

  • Deformità del gomito
  • Fuoriuscita dell'osso
  • Dolore, a volte molto intenso, e gonfiore dell'area in questione 
  • Difficolta, o impossibilità, di movimento del braccio.

Se avverti uno o più sintomi è necessario recarti da uno specialista che ti sottoporrà, se fosse necessario, a terapie in grado di alleviare il dolore e favorire la graduale guarigione anche attraverso esercizi di rinforzo muscolare.

Leave a Reply